Ai confini del cuore – Elizabeth Lowell – Recensione

Scritto il 16/09/2019
da Eleonora

Ai confini del cuore di Elizabeth Lowell è una di quelle storie che ha fatto terra bruciata al termine della lettura. Ho dovuto attendere diversi giorni prima di riuscire ad aprire un’altro libro.

Vieni a leggere cosa ne penso.

Ai confini del cuore: la trama

Catherine Coochran, fotografa di professione, lavora alacremente per guadagnare i soldi necessari al mantenimento agli studi dei suoi due fratelli gemelli iscritti a medicina, nonché per pagare i conti di una madre immatura e irresponsabile che, dopo aver perso il marito abbiente, non vuole rinunciare ad una vita agiata.

Cat non stacca mai, mangia e dorme pochissimo con ripercussioni anche sulla sua salute, si barcamena fra clienti insolventi, bollette e conti da far quadrare.

Deve stringere i denti ancora per quattro mesi, dopodiché la morsa economica si allenterà e lei potrà dedicarsi più a se stessa.

Fra i numerosi lavori che deve curare, accetta anche di realizzare un servizio fotografico su Travis Danvers, enigmatico, sfuggente e ricchissimo designer di barche.

Per Cat sarà l’incarico più importante di tutta la sua carriera, perché le conseguenze dall’incontro con Travis, cambieranno irrimediabilmente la sua vita.

Acquista il libro nell’usato

Ai confini del cuore: un acquisto casuale

È il primo romanzo che ho letto della Lowell, scelto a caso perché dovevo fare volume per una busta altrimenti troppo grande per un libro solo.

Ricevuto senza alcuna aspettativa, incuriosita solo da questa figura del miliardario designer di barche, l’ho terminato collezionando una ridda di emozioni che ancora a distanza di tempo fatico a dimenticare.

Chi è il protagonista

Travis vive e lavora su una lussuosa barca che lui stesso ha disegnato, e non rimane a terra per più di due o tre settimane, cioè quando scende per curare i propri affari.

A fronte della sua smisurata ricchezza, è molto prevenuto nei confronti delle donne, che lui ritiene egoiste e avide di denaro.

Questo atteggiamento è quasi irritante all’inizio e forse anche un tantino esasperato in alcune espressioni, però trova poi nel corso della storia una ragionevole spiegazione che, se non giustifica pienamente certi comportamenti, quantomeno ci aiuta a comprenderli meglio.

Ti presento Catherine Coochran

Catherine l’ho scoperta invece come un personaggio commovente e bellissimo: non chiede mai aiuto a nessuno e in nessuna circostanza, lavora in proprio e mantiene la sua famiglia con uno sforzo economico che va decisamente oltre le sue umane possibilità.

Quando Travis la conosce, prova ammirazione, tenerezza e un istinto di protezione verso questa donna che vuole farcela a tutti costi da sola, che non si lamenta mai , orgogliosa e indipendente anche se versa in condizioni economiche difficili.

Travis lo dirà apertamente:

non sono abituato a donne come te

L’uomo vorrebbe convincersi che Cat è diversa, che la sua forza d’animo è genuina e che non è interessata al suo patrimonio economico, ma è difficile per lui che non riesce a scrollarsi di dosso il tarlo del dubbio.

Il coraggio e la tenacia

La domanda nel lettore sorge spontanea: perché Catherine deve farsi carico di un onere che spetterebbe comunque alla madre? Perché non si ribella a un genitore così irresponsabile, che dovrebbe avere più cura dei suoi figli e assumersi le proprie responsabilità?

Perché Catherine deve dimostrare molto a se stessa: a causa di un passato che l’ha ferita, umiliandola pesantemente e spogliandola di ogni autostima, il mantenimento della famiglia con le sue sole risorse rappresenta il suo riscatto e la sua vittoria, una soddisfazione dal valore inestimabile, una cura per delle ferite che non potrebbero guarire in altro modo.

Attraverso il suo amore per Travis, Catherine tocca tasti delicati e cari in ciascuna donna senza scadere nel melodrammatico, rivelando forza di carattere e tanto amore verso quest’uomo che poca fiducia nutre verso il genere femminile.

La paura di amare di Travis

Travis dal canto suo non è un eroe, tutt’altro. È un pirata, che a bordo della sua  barca vive in compagnia di molte paure e incertezze, seppur ben mascherate.

Può essere un bastardo patentato, freddo e crudele, nondimeno un amante e un compagno sollecito, passionale e sensibile verso la sua donna, capace di molti errori, ma in grado di ammetterli e di ripartire da essi, in nome di quel sentimento che Cat gli insegnerà poi a riconoscere come amore.

Ai confini del cuore: cosa ne penso

Le rispettive passioni dei protagonisti, cioè la fotografia e le barche, non sono un semplice sfondo alla storia, ma elementi preziosi che arricchiscono la loro personalità e li circondano di affascinante carisma, che è poi l’elemento principe che a me fa apprezzare una storia scritta.

Sarà forse un caso che siano le stesse passioni dell’autrice?

La scrittura della Lowell è in ottimo equilibrio fra descrizioni e dialoghi, il ritmo narrativo è sempre ben sostenuto e il linguaggio è decisamente scorrevole.

Dopo aver terminato questa lettura, mi sono convinta che ci sono libri che lasciano più o meno il segno nell’animo di chi legge, libri che non lo lasciano affatto e libri invece che lo lasciano così profondo da impedire per giorni di prendere in mano un nuovo titolo da leggere.

Per quanto mi riguarda, “Ai confini del cuore” appartiene a quest’ultima categoria.

Vuoi leggere altre mie recensioni?

Clicca qui

Ora tocca a te! Conosci questa autrice? Hai mai letto il libro di cui parlo oggi? La tua opinione per me conta molto. Se la recensione ti è piaciuta, aiutane la diffusione, condividendo il post sulle tue pagine social. Grazie della tua attenzione e a presto.